Si è aperto oggi il Raduno della Can D che vede impegnati i nostri associati arbitri Giovanni Sanzo e Antonino Costanza e gli assistenti Pietro Bennici , Francesco Bentivegna, Davide Mingiovì, Marco Campanella e Piero Cumbo , nella sala conferenze di Sportilia intitolata a Stefano Farina, il Responsabile della CAN D, Matteo Trefoloni, nel pomeriggio, ha aperto ufficialmente il raduno precampionato rivolgendosi agli osservatori, che nello adempiere al loro compito con passione e dedizione, devono essere dei veri e propri formatori. A tal proposito, ha effettuato un approfondimento sul giusto atteggiamento che devono avere gli arbitri sul terreno di giuoco: “Dovete cercare ragazzi che sappiano leggere le azioni, mentalmente predisposti e reattivi.”
“L’osservatore della CAN D è un ricercatore di qualità sia negli arbitri sia negli assistenti” ha aggiunto il Coordinatore degli osservatori Gianmario Cuttica.


Dopo la presentazione dell’intera Commissione arbitrale e il benvenuto ai neo nominati: Andrea Crispo, Michele Di Ciommo (che lavorerà nel gruppo osservatori insieme a Gianmario Cuttica e Silvia Tea Spinelli), Francesco Paolo Saia e Riccardo Tozzi, è stato osservato un minuto di raccoglimento per le vittime della tragedia che ha segnato profondamente la città di Genova.
La parola è poi passata ad Alfredo Trentalange, Responsabile del Settore Tecnico, che nel ringraziare gli osservatori per l’importante lavoro svolto, ha evidenziato i pilastri fondamentali su cui si deve svolgere il delicato compito di formazione: “tecnica, etica, organizzazione ed umanizzazione. Sicuramente si cresce con la didattica, ma soprattutto con il confronto che per essere efficace deve essere costruttivo”. Alfredo Trentalange ha dato poi la parola a Vincenzo Meli, Responsabile del modulo perfezionamento e valutazione del Settore Tecnico, che, anche con l’ausilio di filmati, ha illustrato ai presenti le novità introdotte dalla Circolare n. 1 e il nuovo modulo della relazione degli osservatori con una riorganizzazione dei quadri più sintetica ed incisiva. Al fine di comprenderne pienamente le novità, si è soffermato sulla ratio che ha portato alle numerose modifiche. Al termine è seguita un’interessante fase di dibattito circa gli episodi di maggior rilevanza.
Il Presidente Gero Drago a nome personale e del CDS augura ai nostri colleghi un grande in bocca al lupo per la nuova stagione certo che sarà ricca di soddisfazioni.