News

RIUNIONE TECNICA CON CARLO VIRGILIO E PIERO CUMBO

RIUNIONE TECNICA CON CARLO VIRGILIO E PIERO CUMBO

Nella serata di ieri, si è svolta la Riunione Tecnica Obbligatoria che ha visto come relatori due importanti figure sezionali nel mondo arbitrale: Carlo Virgilio, arbitro CAN D, e Piero Cumbo, componente del Settore Tecnico. L'evento è stato un momento di formazione di alto livello, fondamentale per l'arricchimento delle competenze degli arbitri presenti. La serata è stata aperta dalle comunicazioni di rito a cura del segretario sezionale, Calogero Giardina, il quale ha dato il via a una riunione che si è rivelata ricca di contenuti preziosi. Un momento di particolare rilevanza è stato l'intervento del Giudice Sportivo Salvatore Fucà, il quale ha affrontato con competenza e chiarezza le complesse problematiche legate alla composizione dei referti. Ha condiviso consigli fondamentali per affrontare le sfide che gli arbitri possono incontrare sul campo, sottolineando l'importanza di un approccio professionale e consapevole. Il focus principale della riunione è stato l'aspetto comportamentale dell'arbitro. Carlo Virgilio ha ribadito con forza l'importanza di una condotta impeccabile da parte degli arbitri, poiché il loro modo di agire è intrinseco alla professione. Ha sottolineato che un errore comportamentale non riguarda solo l'arbitro stesso, ma può influenzare anche i colleghi che si succederanno nelle settimane successive. Un messaggio chiaro e incisivo sulla responsabilità e l'importanza della figura arbitrale. Durante la riunione, sono state analizzate diverse situazioni di gioco messe a disposizione dal Settore Tecnico, coinvolgendo numerosi colleghi presenti, tra cui i nuovi 23 arbitri dell'ultimo corso. Piero Cumbo ha dedicato parte del suo intervento all'analisi di episodi legati alle proteste e ha evidenziato come una preparazione adeguata delle ammonizioni possa fare la differenza nella gestione tecnica di una partita. La presentazione dei relatori è stata coinvolgente ed istruttiva, trasmettendo con professionalità concetti complessi anche ai giovani arbitri presenti. La serata si è conclusa in un clima di allegria e amicizia, con un trasferimento presso una pizzeria, permettendo ai partecipanti di condividere momenti di socializzazione e rafforzare il senso di appartenenza alla comunità arbitrale. Questo incontro è stato un chiaro esempio di quanto la formazione e la condivisione di conoscenze siano fondamentali per la crescita e lo sviluppo della figura arbitrale. Gli arbitri presenti hanno avuto l'opportunità di arricchire il proprio bagaglio professionale e umano, dimostrando ancora una volta l'impegno e la dedizione che contraddistinguono il mondo dell'arbitraggio.